Pagine

venerdì 28 settembre 2012

Rose del deserto

Non sapevo cosa fossero, le rose del deserto. Ho sempre associato questo nome a dolcetti visti spesso in giro per blog, che avevano l'aria di essere un po' morbidi e un po' croccanti, di quelli che scrocchiano sotto i denti ma poi si lasciano andare in un morso fondente. Un giorno mi decido e, complice un pacco di cornflakes che non voleva saperne di essere finito, cerco la ricetta. Google mi da subito decine di risultati, decine di golosone che si sono fatte tentare da questo dolcetto.. tra queste decine di risultati mi appare anche Wikipedia che mi suggerisce che in realtà rose del deserto è il nome di un minerale, precisamente un aggregato di cristalli di gesso. Grazie, non si finisce mai di imparare. Prima di chiudere la pagina do un'occhiata distratta alla foto, giusto per vedere se c'appiccica almeno un po' con i dolcetti, ed è allora che me ne rendo conto.. casa di miei nonni, il tavolino del soggiorno pieno di grosse conchiglie, quella pietra giallo ocra un po' strana fatta da mille sottili lamine sovrapposte, quante volte l'avrò presa tra le mani, le mie mani di bambina, quante volte l'avrei potuta rompere, ma nessuno mi ha mai rimproverato per questo, nessuno ha mai pensato che le mie mani di bambina l'avrebbero lasciata cadere. Oggi sono la donna che sono anche grazie a voi, nonnini miei. Grazie di cuore per tutto quello che avete fatto e non fatto, ma soprattutto per esserci stati, sempre.

Rose del deserto

Ingredienti:

100 g di farina
50 g di fecola di patate Naturei
100 g di mandorle sbucciate Life
75 di zucchero Eridania
100 g di burro morbido
1 uovo intero
1 cucchiaio scarso di lievito vanigliato per dolci Naturei
Cornflakes quanti ne bastano per “impanare” i biscottini

(Fonte: Anna Moroni)

Frullare bene le mandorle con lo zucchero, aggiungere il burro e frullare per un altro istante. Unire l’uovo, la fecola e la farina setacciate con il lievito, e terminare l’impasto.
Prelevare una piccola quantità di impasto (che risulterà molto morbido ma comunque lavorabile) e formare delle palline poco più piccole di una noce, quindi rotolarle nei cornflakes esercitando un po’ di pressione con le mani. Disporre i biscottini in una teglia rivestita di carta forno e infornare a 180 °C per circa 20 minuti.
Spolverizzare con poco zucchero a velo

* piattino Easy Life Design
* teglia Accademia Mugnano

5 commenti:

  1. questi dolcetti sono buonissimi
    ho avuto il piacere di gustarli con un buonissima tazza di te'alla liquirizia a casa di una mia amica!!!presentazione divina ^_^

    RispondiElimina
  2. E pensare che io l'associavo al fiore di una pianta grassa!!!Grazie della spiegazione, io li faccio spesso e mi fanno impazzire!!!Complimenti.

    RispondiElimina
  3. Ti sono venute proprio bene! Complimenti! :D

    RispondiElimina
  4. Non ho mai fatto questi dolcetti, devono essere proprio buoni... proverò

    RispondiElimina
  5. buooooniiii !!! è moltissimo tempo che non le faccio !!! ti sono venute meravigliose

    RispondiElimina

Lascia un segno del tuo passaggio!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...