Pagine

mercoledì 12 settembre 2012

Pomodori secchi sott'olio

Come mi piacerebbe far parte di una di quelle grandi famiglie che d'estate si riuniscono per passare le vacanze insieme, tutti in una grande corte, i bambini che giocano insieme all'aria aperta, il profumo del barbecue perennemente acceso, le innumerevoli docce, i pisolini pomeridiani forzati, ma ristoratori... eppure tanti anni fa noi lo eravamo, una di quelle grandi famiglie, avevamo tre case in un enorme giardino, avevamo il mare a dieci passi, avevamo giochi sempre uguali ma sempre diversi, in fondo avevamo quello che ora ci manca, due splendidi nonni, che riuscivano a tenere unite tante famiglie in una sola.. che ricordi meravigliosi!
Non ricordo che mia nonna si sia mai cimentata in conserve di alcun tipo.. probabilmente aveva già il suo bel daffare con me e i miei fratelli.. ma quest'anno ho deciso di cimentarmi io, mi piacerebbe riscoprire pian piano tutte quelle ricette tradizionali che d'estate le donne di famiglia rispolverano per fare scorte invernali di passate e marmellate, intrappolando l'estate in un barattolo. Io ho deciso di cominciare dai pomodori secchi, perchè ci piacciono da matti e, fatti in questo modo, si possono benissimo mangiare anche come antipasto o contorno. C'è ancora tempo e caldo.. fateli!

Pomodori secchi sott'olio

Ingredienti (per circa 2 barattoli da 250 gr,):

5 kg. pomodori tipo San Marzano, maturi
sale
olio extravergine Frantoio Gentili
aglio
basilico

Lavare ed asciugare bene i pomodori. Per seccarli ci sono due vie, il sole o il forno.
Certo che in paesi come il mio, la Sardegna, l'ideale è il sole, 5 o 6 giorni al sole su una teglia leggermente salati durante il giorno, avendo cura di riporli all'interno durante la notte. Io invece, abitando al piano terra, ho pensato, anzi, diciamo che mi ci ha fatto pensare mia suocera, che i miei pomodori avrebbero attirato polvere, insetti, capelli provenienti dal circondario... ora, se ci avessi ragionato poco poco su, avrei potuto comprare qualche metro di tulle per proteggerli, invece mi sono scoraggiata e ho preferito utilizzare il forno, temperatura 120° per svariate ore... diciamo che per due o tre giorni, appena avevo due ore libere accendevo il forno.. secondo me in tutto sono stati 10/12 ore.
Una volta pronti li ho messi ben pressati in barattoli, alternando fettine di aglio, basilico e pomodori.
Volendoli sterilizzare, si mettono chiusi ermeticamente in una pentola piena di acqua fredda, si porta ad ebollizione per circa una mezzora avendo cura di avvolgere i barattoli in strofinacci per impedirne la rottura.

16 commenti:

  1. Che tenero quel ditino :) E che spettacolo il contenuto di quel vasetto! Adoro i pomosori secchi e fatti in casa...un sogno! Bacioni

    RispondiElimina
  2. Io non li ho mai fatti.. ma so quanto son buoni!!! Che brava sei stata!!! bacioni

    RispondiElimina
  3. Che bella la foto, molto tenera la bimba, Mi piacciono molto le confetture, l'idea della dispensa piena di questi gustosissimi barattoli. Bravissima.

    RispondiElimina
  4. Bei ricordi, Valeria. E' vero, anche a casa mia i miei genitori ci tenevano tutti uniti. La tradizione continua con mio fratello più grande, ma certe "riunioni" grandi non ci sono più state, anche perché tanti non ci sono più, ognuno di noi ha i suoi impegni. Ma le feste comandate cerchiamo di nuovo di ricreare quell'atmosfera!! E quel barattolone è così invitante e ricco di ricordi e tradizioni! E so pure bboni!!!

    RispondiElimina
  5. La mia famiglia è molto numerosa e mi porto dietro ricordi bellissimi,brava complimenti per i pomodori (le cose belle della vita)

    RispondiElimina
  6. idea deliziosa copio mi hai dato un ottima idea

    RispondiElimina
  7. Li hai seccati tu? Tu sei il mio mito. Avrei sempre voluto farli ma da noi i pomodori sono schifosi. Solo per la tua costanza e la tua pazienza dovresti ricevere un premio: ma quei pomodorini in vetro, sono già un premio grandissimo. Brava! Un bacione, Pat

    RispondiElimina
  8. da piccola anch'io ne andavo matta, e quando ho imparato a cucinare me li sono sempre fatti io :). Io ci metto pure l'origano secco in foglie.

    RispondiElimina
  9. Anche io sogno sempre una famiglia così tipo casa nella prateria.. tutti uniti e che stanno sempre insieme.. e continuo a sognare!!
    buonissimi i tuoi pomodori secchi sott'olio!!!

    RispondiElimina
  10. Che belli e chissà che delizia quando li mangerai! Complimenti!!

    RispondiElimina
  11. Che buoni i pomodori secchi, li preparava sempre mia madre! I tuoi hanno un aspetto molto invitante!
    A presto!

    RispondiElimina
  12. Ciao, grazie per essere passata! Adoro i pomodori secchi e anche per me sanno di tradizione e d'estate! Io in più ci metto l'origano.
    Alla prossima.

    RispondiElimina
  13. davvero deliziosi questi pomodori secchi! neanche da me si sono mai fatti, e tantomeno ho provato mai di persona... mi sa che devo prendere ispirazione!
    a presto!
    Stefania

    RispondiElimina
  14. ciao Valeria,hai un bellissimo blog,e quante delizie sforni e meraviglie prepari?
    e un piacere conoscerti.complimentoni,mi sono unita,se ti va di ricambiare ti aspetto nella mia cucina...bacini,a presto:)

    RispondiElimina
  15. brava, mi hai letto nel pensiero, tra qualche giorno anche io posterò la ricetta dei pomodori secchi fatti in casa, brava, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  16. Caspita, io ho l'essiccatore...ci potrei fare un pensiero ;))

    RispondiElimina

Lascia un segno del tuo passaggio!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...