Pagine

martedì 3 febbraio 2009

Graffe

La grande Paoletta con questo impasto ci ha fatto bombe e krapfen… io (causa di penuria di uova per la crema pasticcera..) ci ho fatto dei semplici fritti che m’è parso di capire si chiamino “graffe”…

Ad ogni modo l’impasto è veramente ottimo, ben equilibrato, dolce quanto basta.. prima che inizi la quaresima devo riprovare assolutamente… con le dovute aggiunte: crema e marmellata (ehm… e la Nutella ????)

IMG_0184 modificato

Ingredienti:

300 gr di farina (50% manitoba e 50% farina 00)
1 uovo
1 tuorlo
16 gr di lievito di birra fresco
5 gr di sale
buccia di 1 arancia piccola
60 gr di burro
50 gr di zucchero (+ q.b. per decorare)
50 gr. acqua
25 gr. latte (al bisogno)

Procedimento:

Impastare 50 gr. di farina (presa dal totale) con i 50 gr. di acqua in cui avremo sciolto il lievito. Mettere in una ciotola e far lievitare per 40 minuti.

Impastare il primo impasto lievitato, la farina, lo zucchero, le uova, il latte se l'impasto è molto sostenuto (dipende dalle farine) e il sale. Quando il tutto è ben amalgamato, aggiungere il burro morbido.

Impastare per almeno 20 minuti se si ha l’impastatrice, a mano ci vorrà più tempo. L’impasto deve essere elastico e staccarsi dalla tavola in un sol pezzo.

Mettere a lievitare al caldo per 2 ore e 15 minuti.

Riprendere l'impasto, poggiarlo sulla spianatoia leggermente infarinata e sgonfiarlo leggermente. fare le pieghe del secondo tipo, quelle in cui si prendono i lembi dell'impasto e si portano verso il centro.

Utilizzare un coppapasta o un bicchiere per fare le formine, per fare il buco ho utilizzato il tappo di un pennarello. Posare le graffe pronte in un vassoio infarinato o coperto di carta forno e rimettere a lievitare per 1 ora e 15 minuti.

Scaldare l’olio di arachide e friggere. Scolare, asciugare l’unto in eccesso su carta assorbente e rotolare nello zucchero semolato.

IMG_0188 modificato

Il secondo vassoio ha riposato in frigo tutta la notte, il pomeriggio seguente l’ho lasciato a temperatura ambiente e ho fritto a tarda sera.. ottime!!

Non c’è traccia della linea chiara… sarà perchè ho fatto delle graffette mignon?? mahh…

2 commenti:

  1. Valeria, ma belle!!!!
    La linea chiara dipende dalla temperatura dell'olio, e non è facile, e dalla lievitazione dopo la formatura. Ho notato per esempio che quelle in frigo hanno fatto tutte la linea chiara, le altre alcune sì altre no!
    Ma l'importante è che siano buone e le tue lo sono, si vede, la pasta è bella :)

    RispondiElimina
  2. Grazie Paoletta! Per essere il primo tentativo in questo "campo" sono abbastanza soddisfatta.. certo, ritenterò per migliorare ulteriormente..magari dando un attimo di tempo al colesterolo di assestarsi su valori normali!!!

    RispondiElimina

Lascia un segno del tuo passaggio!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...