Pagine

martedì 22 giugno 2010

Lemon curd

Era da molto che questa ricetta giaceva nell’archivio di quelle “da provare”.  Vuoi perchè mancava la materia prima adatta, vuoi perchè la ricetta era troppo inflazionata .. fatto sta che prima di provare il curd in versione original, cioè lemon, mi sono ritrovata con un po’ di bellissime arance non trattate ed ho pensato: orange curdwhy not? Prova, aimè, non documentata, in quanto terminata in un battito di ciglia! Tanto è stato il successo, che ho dovuto replicare in tempi brevissimi, questa volta con i limoni... Purtroppo Sigrid ha ragione, è una cremina deliziosa che trova la sua morte un po’ ovunque, quindi il fondo del vostro barattolino si vedrà in tempi brevissimi… e voi vi ritroverete nuovamente con grattugia in mano pronti a ricominciare daccapo… si può fare con i limoni, con le arance, con i lime, con le fragole, con i mirtilli, in giro per la blogosfera ne ho visti davvero di tutti i tipi, per accontentare qualsiasi palato! Naturalmente l'importante è che la frutta sia priva di medicinali.. e credo anche che, per la natura stessa della crema, molto dolce e grassa, per evitare che risulti nauseante sarebbe bene utilizzare un frutto piuttosto acidulo e aspro .. a noi è piaciuto tanto, un gusto morbido e pieno! Tra le altre cose ci ho farcito una tarte, buonissima!

Lemon curd

Ingredienti:

succo di limone 1dl
buccia di 2 limoni (non trattati)
zucchero 150g
uova 4
burro 100g
fecola di mais 1 cucchiaio abbondante

Lavare i limoni, grattugiare la loro buccia e estrarne il succo. Diluire la fecola nel succo. In una ciotola resistente al calore, mescolare il succo, la buccia, lo zucchero, le uova e il burro tagliato a pezzetti, poi collocare la ciotola sopra un pentolino con 3-4 cm di acqua a fuoco medio-basso (deve bollire ma non troppo forte). Mescolare di continuo per una decina di minuti fino a quando la crema si sarà addensata. Versare il lemon curd caldo in uno o due barattoli di vetro, chiudere, lasciar raffreddare e conservare al frigo.

8 commenti:

  1. Quel cucchiaio è incredibilmente tentatore! Sembra quasi crema pasticcera e mi sta venendo l'acquolina al solo pensiero. Dovrò provarlo, ma ho paura che mi stregherà come il dulce de leche! Un bacione

    RispondiElimina
  2. mai assaggiata questa cremina devo provarla ! grazie

    RispondiElimina
  3. Wow! Quasi quasi la faccio e ci tuffo dentro il pandispagna avanzato tagliato a cubetti!
    Grazie dell'idea.

    RispondiElimina
  4. Ma grazie! Sono commossa... bello però: il giorno del post della fregola sarda conosco una cagliaritana! Certo ragazza che pure te non scherzi, eh! E mi piacciono molto anche le foto... mi sa che ci vedremo presto!

    RispondiElimina
  5. una vera droga di cui vado ghiotta!!!!
    ottima riuscita!!!

    RispondiElimina

Lascia un segno del tuo passaggio!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...