Pagine

giovedì 27 novembre 2008

Torta al cocco

foto 692 modificato

Ingredienti :

360 gr. di farina
250 ml. di latte
250 gr. di zucchero
160 gr. di farina di cocco
160 gr. di burro
2 uova
1 bustina di lievito in polvere per dolci
1 scorza grattugiata di limone (facoltativa)

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 190°C.
In una ciotola capiente fare la fontana con la farina setacciata. Porre in mezzo lo zucchero ed il lievito. In un’altra ciotola battere leggermente le uova con il latte ed il burro fuso almeno intiepidito. Aggiungere il composto con le uova nella ciotola della farina e zucchero e, con la frusta, amalgamare per bene. Aggiungere la farina di cocco ed eventualmente la scorza di limone grattugiata e continuare ad amalgamare, ottenendo un composto abbastanza fluido. Versare in una tortiera di 28 cm. di diametro ed infornare per 45/50 minuti.

Il risultato è una torta super soffice e super profumata e, vista la lavorazione (3 minuti a mano..) super veloce!

Uova al pomodoro

Questo piatto mi piace tanto perchè mi ricorda la mia nonna… Non ricordo se le piaceva o se lo faceva spesso… so solo che nella mia mente le uova al pomodoro le associo a lei! Ciao nonnina..

foto 675 modificato

Ingredienti:

Pomodori tagliati a pezzettoni
Uova (almeno 1 a testa)
Basilico
Olio, Sale, Pepe

Procedimento:

In una padella grande scaldare poco olio di oliva e aggiungere i pomodori e tanto basilico, alzare la fiamma e cuocere rapidamente i pomodori che non devono diventare acquosi e non si devono spappolare.
Sgusciare le uova sui pomodori mantenedole distanziate, salare e pepare ogni tuorlo e portare a cottura completa solo il bianco, il tuorlo deve rimanere cremoso.
Spegere il fuoco e servire ogni uovo con la porzione di pomodoro che il bianco ha inglobato.
Accompagnare con tanto pane.

Pollo arrosto con patate al crisp

In mezzora un profumatissimo pollo arrosto con patatine.. Per chi ha bambini è veramente l’ideale per una cena dell’ultimo minuto

foto 688 modificato

Ingredienti:

Cosce di pollo a piacere e/o altre parti del pollo
2 patate
olio evo q.b.
sale q.b.
rosmarino q.b.

Procedimento:

Pulire il pollo, lavarlo ed asciugarlo bene con uno scottex.
Praticare dei tagli sulla superficie e tutto intorno ed inserite dei rametti di rosmarino, salare e, se si ha tempo, lasciar insaporire per una mezz'ora in un contenitore coperto.
Nel frattempo pelare le patate e tagliarle a tocchetti, salarle, cospargere sulla superficie un filo d'olio e mescolare bene.
Disponerre nel piatto crisp insieme al pollo precedentemente preparato e cuocere per 30 min. funzione crisp, girando di tanto in tanto.

Melizie

Questo è un dolcetto buono e veloce… vuole imitare un dolce che fanno negli Autogrill che “pare” sia divino, il cui profumo fa venire voglia di addentarne istantaneamente uno…. dico “pare” perchè nella mia bella isola Autogrill non ce n’è.. ma ne ho sentito parlare talmente bene che ho voluto provarli.. ed ho capito perchè le chiamano Melizie!!!

02112008(001) modificato 

Ingredienti:

Pasta sfoglia
Mele
Miele
Zucchero

Procedimento:

Preriscaldare il forno a 200°C.
Spianare la pasta sfoglia ad un’altezza di circa 3 mm. Ritagliare dei rettangoli di circa 18x9 cm. Dividere la mela in quattro parti, togliere il torsolo, sbucciarla e tagliarla a fettine di circa 3 mm. (o a dadini piccolissimi). Porre dal centro, verso una sola parte, le fettine (o dadolata) di mele a ventaglio. Versarci sopra un cucchiaino abbondante di miele. Spennellare di acqua i bordi di metà perimetro e chiudere il fagottino, ripiegando due volte i bordi. In una tazzina miscelare mezzo cucchiaino di miele con mezzo di acqua e spennellarci tutta la superficie che ricoprirete di zucchero. Porre i dolci in una teglia ricoperta con carta forno ed infornare per 15/20 minuti fino a doratura della superficie.

Io ho aggiunto anche delle noci a pezzetti… ottimo abbinamento!

Paris - Brest

La Paris-Brest è un classico della pasticceria francese creato in occasione della gara ciclistica Paris-Brest-Paris, da un pasticciere parigino che ebbe la geniale idea di dare ai suoi dolci la forma di una ruota di bicicletta.
La Paris-Brest consiste in un “guscio” di pasta choux a forma di grande anello, farcito con crema e guarnito con mandorle tostate e zucchero a velo.

foto 678 modificato

per la pasta Choux ho usato la ricetta di Maurizio Santin:

120 gr di acqua
60 gr di burro
75 gr farina 00
1 pizzico di sale
2 uova grandi (65 gr cad.)

Procedimento:

Mettere l'acqua, il burro a pezzetti e il sale in una pentola dal fondo spesso. Quando bolle togliere dal fuoco e versare la farina in un colpo solo. Rimestare velocemente, rimettere sul fuoco e far seccare .

Versare in una ciotola e aspettare che non salga piu' vapore.

Aggiungere un uovo per volta, l'ultimo aggiungerlo a cucchiaiate, e' possibile che se debba usare anche un uovo extra.

E' pronto quanto tirando su il cucchiaio non straccia piu' e si crea un ricciolo pesante di impasto.

Formare il ciambellone ed infornare a forno ben caldo (200 gradi circa). Dopo sei- sette minuti (quando sarà ben gonfio) abbassare a 190 e portare a cottura, tenendo - negli ultimi dieci minuti - il forno aperto in fessura con un cucchiaio di legno.

Una volta cotta, aspettare che si raffreddi e tagliarla orizzontalmente.

Se tutto è andato bene l'interno sarà vuoto e asciutto.

Riempire con crema pasticcera, io ho utilizzato questa.

Per la copertura io ho usato una semplice spolverata di zucchero a velo.

venerdì 14 novembre 2008

Fagiolata

 Immag005 modificato
Ingredienti:
4 confezioni wurstel piccoli (non mini)
2 scatole fagioli borlotti
1 barattolo pelati
1 spicchio aglio
sale
pepe
peperoncino
olio

Procedimento:
Scaldare l'olio e far soffriggere lo spicchio d'aglio insieme al peperoncino (in polvere o tritato).
Aggiungere i wurstel tagliati a pezzetti di circa 2/3 cm. Far rosolare per bene.
A questo punto aggiungere i pelati frullati o passati con il passaverdure.
Regolare di sale. Portare il sughetto a cottura ed aggiungere i fagioli scolati dall'acqua di conservazione. Far prendere un po' di calore al tutto. Aggiungere pepe ed eventualmente altro peperoncino.

Crostata multicolor (con marmellata e frutta)

Questa è una preparazione moooolto semplice, ma.. signore e signori, ditemi se non è di grande effetto!! .. io adoro questo dolce, è come fare tante crostate utilizzando marmellate e frutta di colori diversi , e la bellezza è che ognuno può scegliere un gusto diverso!

foto 778 modificato


Per la pasta frolla:
200 gr. burro
200 gr. zucchero
400 gr. farina
2 uova
2 pizzichi sale
(a me piace un po' più morbida e friabile, per cui aggiungo anche un po' di lievito..per queste dosi diciamo un po' meno di una bustina...)


Per il ripieno:
marmellata, un vasetto
frutta a piacere - facoltativa

Mescolare velocemente farina, zucchero e burro. Unire il sale.
Quando si formano "briciolone" di composto, unire le uova.
Impastare velocemente il tutto e mettere a riposare in frigo per una mezzoretta.
Riprendere l'impasto e stenderne 2/3 su una teglia coperta di carta forno.
Formare con l'impasto rimanente tante striscioline e posizionarle sulla pasta già stesa a formare un reticolato. Fare lo stesso con i bordi.
Riempire ogni quadratino con marmellata (io ho utilizzato 4 marmellate diverse) e, volendo, guarnire con pezzetti di frutta fresca spennellata di marmellata diluita con un po' d'acqua.
In forno a 180/200° fino a colorazione, circa 20/25 minuti. Prima che si raffreddi spolverare con un po' di zucchero a velo.

Io ho aggiunto all'impasto anche la buccia grattugiata di un limone, che secondo me nella frolla ci sta sempre bene...

100_5373 modificato

Con questa crostata partecipo alla raccolta di Cuor di Panna:

sabato 1 novembre 2008

Fusilli alla carlofortina

Questa è una delle ricette di pasta più buone tra le nostre ricette regionali. A Carloforte la mangereste cucinata con il tonno fresco, ma a casa mia il pesce fresco non piace (si, lo so, siamo sardi… e allora ??) e optiamo per il tonno in scatola.

Il tutto è profumato da una generosa dose di pesto alla genovese, chiara influenza della colonia ligure.. Deliziosa!

100_0146 modificato

Ingredienti per 4 persone:

300 gr. fusilli
pomodori freschi
tonno in scatola (2 da 80gr.)
1 spicchio aglio
2 cucchiai pesto basilico
4 cucchiai olio evo
sale q.b.

Far soffriggere l'aglio in una padella capiente. Scottare i pomodori a fiamma alta e portarli a cottura (pochi minuti, non devono spappolarsi), regolare di sale. Aggiungere il tonno scolato del suo olio. Spegnere il fuoco. Cuocere la pasta in abbondante acqua salata e scolarla al dente. Amalgamare alla pasta i 2 cucchiai di pesto, dopodichè versare nella padella col sugo e far saltare i fusilli aggiungendo eventualmente un po' di acqua di cottura della pasta.

Danubio

La curiosità nei confronti di questa preparazione mi è venuta sbirciando nel forum di Alf, dove non credo ci sia qualcuno che non vi si è mai cimentato…

Si tratta di un impasto lievitato dal sapore abbastanza neutro al quale si dà la forma di palline con un ripieno che può essere dolce o salato. Io ho utilizzato la ricetta dei panini al latte di Danabus ed ho farcito con salsiccia sbriciolata, ricotta e crescenza, ma si può utilizzare veramente di tutto!

E’ una preparazione simpatica e molto adatta a buffet: ogni commensale non dovrà far altro che staccare una pallina ed addentarla!

100_0139 modificato
Ingredienti:
500 gr. farina manitoba
75 gr. di burro morbido
1 cubetto di lievito
250 gr. di latte (io uso quello P.S.)
1 pizzico di zucchero
10 gr. di sale

Ingredienti per il ripieno:

salsiccia fresca sbriciolata
crescenza
ricotta

Procedimento:

Mettere in un ciotolino il lievito di birra sbriciolato e aggiungere un cucchiaino di zucchero. Nel frattempo intiepidire il latte e versarlo nell'impastatice, aggiungere la farina e il burro ammorbidito. Impastare per un paio di minuti. Prendere il ciotolino del lievito e girarlo finchè non diventa liquido (basteranno pochi secondi e lo zucchero renderà liquido il lievito). Aggiungere il lievito all'impasto e lavorare per 10 minuti buoni. Poi aggiungere il sale e lavorare altri 10 minuti l'impasto. Il risultato deve essere una pasta bella liscia.
Mettere l'impasto in una ciotola coperto con un panno bagnato e lasciar lievitare finchè non aumenta di tre volte di volume (circa 2.5/3 ore).
Prendere l'impasto e dividerlo in palline (vengono 18/20 palline non troppo grandi), stendere l'impasto (anche usando un mattarello) e farcirlo a piacere (io ho usato salsiccia, crescenza e ricotta).
Mettere in uno stampo lasciando un po' di spazio tra le palline.
Dopo circa un'ora spennellare con del latte ed infornare a 180 per 25 minuti circa.

Torta di sapa

Pizza o Focaccia coi fiocchi


INGREDIENTI:
600 gr. di farina 0
10 gr di lievito di birra fresco
20 gr di fiocchi di patate
30 gr di strutto
da 400/425 gr di acqua (dipende dalla farina, l'impasto deve essere morbido come il lobo dell'orecchio)
2 cucchiaini di sale
1 cucchiaino di zucchero

PROCEDIMENTO:
Sciogliere il lievito e lo zucchero in 50 gr di d'acqua tiepida e lasciar riposare circa 5 mnt.
Mescolare bene i fiocchi in circa 250 gr di acqua e aggiungere il tutto alla farina, aggiungere il lievito con l'acqua e la restante acqua; impastare a mano per circa 15 minuti, nella mdp l'impasto dura mezz'ora.
I restanti 100 gr di acqua si aggiungono un poco alla volta, fino a che l'impasto diventa morbido ma lavorabile, come il lobo dell'orecchio.
Ce ne potrebbero volere 100 gr ma anche di piu' o di meno, dipende dalla farina.

SE SI VUOL FARE LA FOCACCIA, SCIOGLIERE I FIOCCHI NELLA STESSA QUANTITA' DI LATTE E ACQUA IN PARTI UGUALI, O ANCHE SOLO LATTE

Quando il lievito è ben amalgamato si aggiunge il sale. S'impasta ancora un poco, l'impasto è un po' colloso, ma soffice, eventualmente aggiungere un po' di farina, ma poca.
Si fa lievitare in una terrina bella grande ricoperta con pellicola nel forno chiuso con la lampadina accesa per circa due ore, o nella mdp.
Quando l'impasto sarà raddoppiato, spolverare di farina la spianatoia e versarci l'impasto.
A questo punto si infarinano bene le mani e si fanno le pieghe del primo tipo

Si mette l'impasto con le pieghe rivolte veso il basso e si copre con un panno ben lavato, bagnato e strizzato.
Si lascia riposare 30/45 minuti, dipende dalla stagione.

Poi, senza reimpastare assolutamente, stendere l'impasto in due teglie unte (io ne ho usate una da 20 x 30 e un'altra grande come la leccarda del forno... ma a me piace abbastanza alta!

Altrimenti dividere in due parti uguali e usare due teglie grandi del forno.
Per la focaccia, stendere in due teglie di circa 30 cm. di diametro.
Se l'impasto stendendo fa resistenza, se non si lascia stendere, si aspetta qualche minuto e poi si continua.

PER LA PIZZA:
Una volta stesa condire a piacere con pomodoro a pezzetti, origano, olio e sale e lasciar riposare in teglia ancora circa 30 minuti.
Infornare 10 mnt. alla max temperatura, forno statico, poi togliere dal forno, farcire con la mozzarella e infornare altri 5 mnt. in forno ventilato.

PER LA FOCACCIA:
Si prepara un'emulsione di acqua e olio in parti uguali e un po' di sale, si sbatte bene con una forchetta e si versa piano sulla focaccia bucherellando intanto con le dita per far penetrare l'emulsione nei buchi, facendo attenzione che non vada sul fondo della teglia.

Si fa riposare ancora 30 mnt. e SI INFORNA A 180/200° forno statico fino a che è dorata.
Volendo, all'uscita dal forno, si può pennellare ancora con un po' di emulsione.


Un'altra bontà dal forno di Paoletta...

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...